La luna è l’unico satellite naturale del nostro pianeta e da millenni l’uomo sa che influisce su tutte le cose terrene. Secondo la tradizione nel suo moto percorre 28 case lunari, tante quanti sono i giorni che ne definiscono il ciclo e che sono custodite da altrettanti Angeli. Oltre a questa suggestiva credenza ci sono molte altre storie e leggende popolari che attribuiscono alla luna un’influenza sui comportamenti umani ma noi ci baseremo su evidenze scientifiche per capire se sia folklore o verità.

Da un punto di vista antropologico, il nostro legame con le fasi lunari proviene dal passato, quando durante le notti di luna piena l’istinto dell’uomo primitivo era in allerta, i riflessi più sensibili e pronti per la caccia.

È noto che la luna influenzi le maree e il ritmo della linfa nelle piante, infatti da sempre gli agricoltori cercano di codificare le tecniche agricole in funzione delle varie fasi del nostro satellite per migliorare i risultati delle loro colture, seguendo il calendario lunare.

Per capire se il nostro organismo sia sensibile a questi fenomeni sono stati eseguiti dei test su alcuni campioni di volontari che hanno dimostrato se la luna influenzi davvero il nostro riposo.
Uno degli studi più interessanti è quello pubblicato sulla rivista scientifica “Current biology” condotto da un gruppo di ricercatori dello Psychiatric Hospital dell’università Svizzera di Basilea, la ricerca è durata  3 anni nell’arco di tutte le stagioni osservando  33 persone tra uomini e donne di età compresa dai 17 ai 70 anni. Mentre i volontari dormivano, completamente al buio, è stata monitorata la loro attività cerebrale attraverso Encefalografia (Eeg) durante la fase non-Rem, cioè durante i primi 4 stadi del sonno, dall’addormentamento al sonno profondo. Inoltre sono stati misurati i livelli ormonali di Cortisolo e Melatonina che regolano i ritmi di sonno e veglia. La ricerca ha dimostrato, per la prima volta in modo attendibile che ci sono effettive differenze nella qualità e durata del sonno durante le notti di luna piena rispetto alle altre. I livelli di melatonina sono risultati più bassi, le persone impiegavano più tempo ad addormentarsi e dormivano in media 20 minuti di meno. I ricercatori sottolineano che il ciclo lunare influenza il sonno anche quando una persona non vede la luna piena e dunque non è consapevole della fase lunare in corso.

Possiamo concludere che nonostante l’evoluzione e le comodità della vita moderna, ci siano aspetti in cui l’organismo umano è ancora legato ai ritmi della natura, è come se avesse un complesso orologio interno che lo mantiene sincronizzato con il ciclo ancestrale del giorno e della notte anche senza esserne direttamente a contatto.

La luna ha sempre suggestionato la mente e le emozioni umane con il suo immenso fascino, identificando le sue fasi con quelle della vita e della morte e della successiva rigenerazione, che sono una realtà nella luna, una speranza e una fede nell’uomo.

Sempre a vostra disposizione in tutti i punti vendita Sirio, vi aspettiamo per qualsiasi consiglio per migliorare il vostro riposo.

Se ti piace, Condividilo su...